GIOCARE COL TERRENO BAGNATO


IL COLPO LUNGO

Quando dobbiamo giocare col terreno bagnato cambiano sia le condizioni dell'impatto che i rimbalzi e rotolo della palla.
Ci sono molti consigli utili pe affrontare questo terreno, vediamone alcuni.

1º Consiglio
Un buon consiglio per affrontare il terreno bagnato quando si nota che i piedi stanno affondando nel terreno è quello di impugnare il bastone più corto, solitamente basta scendere di poco, diciamo un dito o se preferite un centimetro o poco più.
Questo consiglio è particolarmente indicato se non si ha bisogno di tutta la distanza che il bastone che si sta giocando potrebbe fare, infatti impugnare più corto il bastone potrebbe far perdere qualche metro.
Come consiglio è molto semplice ma racchiude un tranello mentale, impugnando il bastone più corto si potrebbe essere portati a compensare il downswing abbassando il corpo invece di eseguire lo stesso swing che si farebbe col bastone impugnato normalmente.
Al momento dell'address, quando si posiziona il bastone dietro la palla, il bastone deve sfiorare la punta dei fili d'erba e non deve appoggiarsi sul terreno, questo dettaglio è molto importante per garantirsi di non aver inclinato il tronco pi` del necessario per far raggiungere alla testa del bastone la solita posizione che avrebbe all'address quando si impugna normalmente.
Se tutto viene eseguito correttamente l'impatto potrebbe essere un po' pulito, cioè potremmo colpire la palla leggermente più alta, questa è l'alternativa migliore all'impatto perfetto se si ha paura di toccare il terreno prima dell'impatto con la palla.


2º Consiglio
Per i giocatori più esperti può essere ottimo provare a finire il colpo con le braccia alte, questo perchè molta parte dell'anno viene passata praticando facendo il divot, cosa sicuramente giusta ma che col terreno bagnato deve essere moderata se non totalmente assente.
Usare la tecnica che genera un divot quando il terreno è bagnato può portare a un impatto “pesante” con cnoseguente eccessiva perdita di distanza, ecco perchè consiglio di terminare il colpo con le braccia alte in modo da riuscire a colpire la palla correttamente ma allo stesso tempo far sì che il bastone non affondi troppo nel terreno.
Questo consiglio deve essere allenato per prendere le misure ed evitare di fare dei top, il colpo un pò pulito che viene fuori non causa grandi problemi quando la palla atterra in green, infatti molto probabilmente anche il green è bagnato e il minor backspin sulla palla sarà in parte compensato evitando che la palla corra troppo lontana dal punto di atterraggio. Le linee del corpo e la posizione della testa del bastone devono essere le solite di sempre, anche il backswing e il downswing non richiedono accorgimenti se si decide di affrontare il terreno bagnato provando a finire con le bracica più alte.

L'APPROCCIO

Giocare un approccio col terreno bagnato si può rivelare molto complicato, il bastone si muove più lentamente che sul gioco lungo e quando la lama della faccia del bastone incontra il terreno prima della palla non ha la forza di attraversare la zona d'impatto nemmeno di quel poco che servirebbe per arrivare in green.
Se si stabilisce, in base alla posizione della palla, che il problema dell'approccio che si deve affrontare è proprio quello della lama che non deve assolutamente entrare nel terreno il consiglio più utile è proprio quello di aprire leggermente la faccia del bastone in modo da offrire al terreno più bounce (che con gli wedge è già presente) in modo da garantirsi che la testa del bastone, anche nel caso toccasse un po' prima il terreno, tenda a scivolare maggiormente permettendoci ugualmente di far percorrere alla palla una distanza molto simile a quella desiderata. Sul finale la faccia del bastone deve rimanere aperta, non si devono azionare polsi e braccia come si farebbe su un colpo normale altrimenti la faccia del bastone si potrebbe chiudere rendendo inutili gli accorgimenti presi al momento della partenza.
Se si decide di aprire molto la faccia del bastone, quindi di farla puntare molto verso l'esterno, potrebbe essere necessario mirare qualche grado a sinistra del bersaglio ed eseguire lo swing su questa nuova linea di tiro, questo per compensare il fatto che la faccia del bastone molto aperta fa partire la palla un po' verso l'esterno.
Questo ultimo dettaglio, quello del cambio della direzione, è un accorgimento utile solo se si apre molto la faccia del bastone, richiede un discreto allenamento per imparare a vedere la nuova linea di tiro e non farsi ingannare dalla buca, quindi un consiglio ulteriore è quello che, una volta preso l'address più verso sinistra, si deve guardare più a sinistra della buca.

Golf Europeo Vs Golf Americano... Parliamone